Chiamaci: +39 06 5654 6070 | Scrivici +39 340 492 7983

L’importanza delle differenti attitudini nel team di lavoro

L’importanza delle differenti attitudini nel team di lavoro



Quando pensiamo ad un’azienda performante e di successo siamo soliti identificarla come un team composto dalle migliori menti presenti sul mercato, abili nella stessa mansione, dove tutti i componenti hanno la stessa preparazione e le stesse attitudini negli ambiti di interesse. 

Avere le stesse attitudini nel team di lavoro è sinonimo di successo?

La realtà è ben diversa: un gruppo lavora bene quando sono presenti diverse attitudini a diversi livelli che si intrecciano tra loro.

“Nessuno può fischiettare una sinfonia. Ci vuole un’ intera orchestra per riprodurla”

Attraverso questa citazione si comprende l’importanza del lavoro di squadra che procede in sintonia, ma con strumenti e ruoli diversi.

È infatti indispensabile un’adeguata valorizzazione delle differenze tra i membri, in termini di competenze distintive, finalizzate al raggiungimento di un risultato condiviso.

Prendiamo per esempio un team di impiegati che lavorano insieme nello stesso reparto da oltre tre anni: nella valutazione di un nuovo ingresso in ufficio, si valuteranno sicuramente e senza dubbio il livello professionale maturato e le competenze tecniche, ma di uguale importanza sono le caratteristiche di personalità del candidato, fondamentali per l’efficacia a lungo termine della selezione in corso.

Chi sottovaluta questo aspetto, non ritenendolo utile al fine del budget aziendale, non avrà lunga vita sul mercato: la valutazione delle risorse umane in termini di team building è fondamentale;  chi non lavora sereno, non lavora bene.

L’incastro perfetto tra hard e soft skills

L’incastro perfetto deve avvenire sia dal punto di vista delle hard skills sia per le competenze soft.

Un altro esempio utile per la comprensione della tematica potrebbe essere quello di una giovane start up; solitamente il modello prende piede da più individui che condividono un sogno comune.

La creazione di qualsiasi attività inizialmente è un vulcano di idee, e per centrare gli obiettivi prefissati servono diversi punti di vista. È impossibile pensare di produrre un’idea innovativa sul mercato con le stesse idee e le stesse competenze.

Sono indispensabili personalità creative, ma allo stesso tempo menti analitiche e razionali; serve qualcuno che sappia definire il budget  e fare previsioni di bilancio, ed è necessario che conosca il mercato e sappia fare un’adeguata analisi di questo. Servono inoltre doti commerciali e propensione alla negoziazione, professionisti disponibili a spostarsi e altri disponibili a presidiare un punto fisso.

Tutte queste competenze e diverse personalità concorrono alla formazione di un team professionale che in un’ottica a lungo termine sarà di successo.

Se fossero tutti creativi, avremo tante idee ma senza praticità; se avessimo solo caratteri introversi con attitudini informatiche abilissimi nell’utilizzo di software, non ci sarebbero commerciali e nessuno sarebbe in grado di vendere il servizio.

Concludendo, citerò Manfred F.R. Kets de Vries e un suo breve estratto dal libro “Effetto Porcospino: il segreto per costruire team eccellenti”

“Creare un team vincente implica scegliere dei membri che abbiano personalità diverse (in quanto a percezioni, bisogni, attitudini, motivazioni, ambiente di formazione, competenze e aspettative) e trasformarli in un’unità di lavoro che sia completa, efficiente e olistica. Questa può diventare una sfida in quanto certi tipi di personalità non vanno proprio d’accordo.”


Emanuela Calisi

HR Recruiter 

 

Potrebbe interessarti...

Talento? No, grazie

Che cos’è l’Employee Retention?

Place & People Srl

Sede operativa: Via Umberto Saba, 11 • 00144 Roma
Sede legale: Via Leon Pancaldo, 2 • 00147 Roma

P.Iva 14564591007

Iscrizione all’Albo Informatico delle Agenzie
per il Lavoro con codice H501S077086

Privacy Policy
Cookie Policy