Chiamaci: +39 06 5654 6987 | Scrivici +39 340 492 7983

Coworking per l’innovazione

Coworking per l’innovazione


Coworking per l’innovazione

Il successo delle imprese e delle idee imprenditoriali dipendono in larga parte dai contributi che le persone apportano in termini di creatività, conoscenze e competenze. Cresce sempre più la richiesta di professionisti con conoscenze verticali su tematiche di tendenza ed interesse per il futuro del lavoro. Unitamente a ciò è importante saper riconoscere, attrarre e trattenere questi professionisti che rappresentano il valore chiave (in termini di capitale umano e capitale sociale).

Una leva di retention è certamente quella di offrire opportunità di connessione e networking: è da questa interdipendenza che si generano i risultati migliori.

Lo spazio digitale assume una centralità significativa, ma stanno cambiando anche i canoni di richiesta e progettazione di spazi di lavoro comune offline.

Coworking (termine coniato nel 2005 da B. Neuberg), uno spazio di lavoro fondato sulla collaborazione e condivisione di ambienti e servizi comuni. Si tratta di uno spazio attivo e dinamico in cui persone, che non lavorano necessariamente nello stesso settore, si ritrovano ad interagire ed usufruire degli stessi spazi e servizi. Prevede l’affitto di una postazione (fissa o casuale) in open space per un periodo di tempo variabile. Tra i servizi di cui poter disporre: reception, sale conferenze, postazioni ricreative, rete internet, elettricità, carta, stampa, assicurazione.

Punti di forza del coworking:

  • Economicità dell’affitto di una postazione rispetto ad un ufficio / stanza
  • Flessibilità dei costi in relazione al tempo d’uso
  • Valorizzazione della socializzazione e opportunità di scambio

Possibili criticità:

  • Poca privacy
  • Vulnerabilità delle idee
  • Necessità specifiche (in termini di spazio e/o strumenti di lavoro)

Il Coworking in Italia ancora non vede una grande diffusione probabilmente perché non c’è ancora una solida cultura sociale in grado di premiare l’iniziativa imprenditoriale, unitamente al grande lavoro da farsi ancora in materia di politiche economiche pubbliche che vadano in questa direzione.
Grande altro assente, ancora oggi, la “cultura del freelance”, dell’imprenditore, del rischio individuale e del “poter fallire”. Per far sì che ciò si concretizzi e realizzi sono necessari il riconoscimento sociale, diritti sociali, sistemi previdenziali, formazione continua, atteggiamento culturale “open”.

Sottocategoria il “coworking aziendale” che si pone come strumento innovativo di gestione aziendale. In cosa consiste? Un unico ambiente di lavoro vede la presenza di dipendenti, iberi professionisti, startupper.

Ma ancora non è una pratica molto diffusa (contrariamente agli incubatori di startup), seppur in crescita.

Quanta creatività ed innovazione sarebbero possibili?


Sefora Rosa

Hr & Account Manager

Potrebbe interessarti...

Place & People Srl

Viale Algeria, 97 • Roma • 00144 • Italy

P.Iva 14564591007

Iscrizione all’Albo Informatico delle Agenzie
per il Lavoro con codice H501S077086

Privacy Policy