Chiamaci: +39 06 5654 6987 | Scrivici +39 340 492 7983

Dal Sustainable thinking all’Intelligenza Artificiale

Dal Sustainable thinking all’Intelligenza Artificiale


Dal Sustainable thinking all'Intelligenza Artificiale

Caro studente, caro giovane lavoratore,
scrivo questa lettera perché te rappresenti il futuro.

Vorrei pensare che ci sia ancora tanto tempo per far si che il nostro domani sia ancora da pensare, da scrivere ma non è così. Non possiamo più procrastinare se vogliamo contribuire attivamente alla costruzione di un Mondo del lavoro (e non solo) più giusto, equo, sostenibile. Quest’ultima parola sarà il centro della mia riflessione e tra poche righe ne capirai il motivo.

Se segui i telegiornali, leggi i quotidiani o sei comunque in generale una persona che si informa sugli sviluppi della tecnologia, saprai che l’Intelligenza Artificiale è sempre di più al centro del dibattito per quanto riguarda i seguenti ambiti:

  • etica e normativa;
  • ricerca e sviluppo tecnologico;
  • economia dei dati;
  • formazione e costruzione di competenze.

È questo il nostro futuro con tutti i benefici e le criticità che può comportare come ha sostenuto la Direttrice Generale dell’Unesco Audrey Azoulay nel 2019, in occasione della Conferenza Internazionale dal titolo “Principi per l’Intelligenza Artificiale: verso un approccio umanista?”[1].

A te che stai per entrare o sei appena entrato nel mondo del lavoro, sappi che ci si sta adoperando sempre di più per dotare delle macchine di capacità e caratteristiche prettamente umane, come le percezioni visive e spazio-temporali e le capacità decisionali. Questo non sempre nella consapevolezza che per poterlo fare in ottica di sostenibilità, sia necessario un cambio di mindset da parte di chi si approccia agli studi di settore e si occupa dell’implementazione di quanto progettato.

In che senso ti starai forse chiedendo. Nel senso che, ogni qualvolta che ti approccerai allo studio dell’ AI, la starai utilizzando per lavoro o la starai ideando, poniti queste domande:

  • perché lo stai facendo?
  • Per chi?
  • Quale è lo scopo ultimo?

I miei auguri per te…

Il mio augurio è rivolto a te che contribuirai a disegnare e modellare il nostro futuro lavorativo e non solo. La speranza è che tu possa realmente mettere del pensiero critico in ciò che fai ed adottare quello che si definisce Sustainable thinking. Il pensiero sostenibile è quello tipico di coloro che pensano all’impatto che potrebbero avere sulle altre persone quando agiscono, quando parlano, quando progettano. È molto HR questo che ti sto dicendo?! Forse ma neanche troppo. Puoi essere proprio te portavoce, ad esempio nel tuo posto di lavoro, di un uso sostenibile dell’AI ed in generale dei diversi tools digitali. L’impatto che possono avere sulle nostre vite è molto forte! Il tuo principio guida potrà essere quello di pensare a come questa tecnologia possa rappresentare un valore aggiunto, agevolare best practices e non essere un elemento che incrementa disparità e disuguaglianze.

Inoltre, mi auguro che possa realmente capire che non si tratta esclusivamente di dar vita e forma alla scienza, alla tecnica, all’informatica. “In ballo” c’è qualcosa che va oltre e riguarda la nostra vita. Per un Mondo del lavoro che possa essere veramente sostenibile, che metta al centro la Persona con i suoi bisogni ed il suo benessere, c’è necessità di un cambio di paradigma alla base che sia trasversale e che vada dal lavoro al privato, al sociale.

E non sono soltanto io a dirlo ovviamente. L’Asvis ovvero l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile da tempo è impegnata su più fronti per la realizzazione di questo scopo. L’ONU ha approvato l’ Agenda 2030 “per lo sviluppo sostenibile, un piano di azione globale per le persone, il Pianeta e la prosperità”[2].

Cambiare mindset e adottare un pensiero sostenibile non è semplicemente auspicabile, è un’esigenza. Coinvolge gli imprenditori ma anche il singolo lavoratore ed il singolo cittadino.

La scienza non è solo scienza come l’Intelligenza Artificiale non può essere pensata come un qualcosa di separato dalle Persone per le quale invece deve servire per migliorarne la qualità della vita, lavorativa e non.

E tu cosa puoi fare? Sii parte e motore del cambiamento. Non sai come? Contatta noi di Place & People Hub e visita la pagina del nostro sito dedicata ai nostri servizi.

Stay human, think, work and act Sustainable!


Michela Cremona

HR Consultant

"Adottare un pensiero sostenibile è un’esigenza"

Potrebbe interessarti...

Place & People Srl

Viale Algeria, 97 • Roma • 00144 • Italy

P.Iva 14564591007

Iscrizione all’Albo Informatico delle Agenzie
per il Lavoro con codice H501S077086

Privacy Policy